I.C. Garibaldi-Buccarelli Piazza Martiri d’Ungheria s.n.c. - 89900 VIBO VALENTIA
C.F. 96012520795
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF7GUS
Tel. 0963 42120 - Fax 0963 471975
Email: vvic832004@istruzione.it/Indirizzo Posta Pec: vvic832004@pec.istruzione
Sito web: icgaribaldivibovalentia.edu.it

Regolamenti

Il presente Regolamento è stato adottato dal Consiglio d’Istituto, nella seduta del 25/07/2016 con deliberazione n. 24, ed è diventato efficace ed operativo a far data dall’1 settembre 2016

 

Il presente Regolamento è stato adottato dal Consiglio d’Istituto, nella seduta del 25/07/2016 con deliberazione n. 24, ed è diventato efficace ed operativo a far data dall’1 settembre 2016.

Allegato al Regolamento d’Istituto

 

Patto Educativo di Corresponsabilità (ai sensi del D.P.R. n.235/2007) Allegato al Regolamento d’Istituto

La scuola è l’ambiente di apprendimento in cui promuovere la formazione di ogni studente, la sua interazione sociale, la sua crescita civile. L’interiorizzazione delle regole può avvenire solo con una fattiva collaborazione con la famiglia: pertanto la scuola persegue l’obiettivo di costruire un’alleanza educativa con i genitori, mediante relazioni costanti nel rispetto dei reciproci ruoli.

La Scuola si impegna a:

 

·       Creare un clima sereno e corretto, favorendo lo sviluppo delle conoscenze e delle competenze, la maturazione dei comportamenti e dei valori, il sostegno nelle diverse abilità, l’accompagnamento nelle situazioni di disagio, la lotta ad ogni forma di pregiudizio e di emarginazione.

·       Realizzare i curricoli disciplinari e le scelte progettuali, metodologiche e pedagogiche elaborate nel Piano dell’Offerta Formativa, tutelando il diritto ad apprendere.

·       Procedere alle attività di verifica e di valutazione in modo congruo rispetto alla programmazione di classe, chiarendone le modalità.

·       Comunicare costantemente con le famiglie in merito ai risultati, alle difficoltà, ai progressi nelle discipline di studio e agli aspetti inerenti il comportamento e la condotta.

·       Prestare ascolto, attenzione e riservatezza ai problemi degli studenti, così da favorire l’interazione pedagogica con le famiglie.

La Famiglia si impegna a:

 

·       Essere garante del rispetto, da parte dei propri figli, dei doveri stabiliti all’art. 3 dello “Statuto delle studentesse e degli studenti”, nonché del Regolamento di Istituto.

·       Instaurare un dialogo costruttivo con i docenti, rispettando la loro libertà d’insegnamento e la loro competenza valutativa.

·       Tenersi aggiornata su impegni, scadenze, iniziative scolastiche, controllando costantemente il libretto personale e le comunicazioni scuola-famiglia, partecipando con regolarità alle riunioni previste.

·       Far rispettare l’orario d’ingresso a scuola, limitare le uscite anticipate, giustificare le assenze(con la necessaria certificazione medica dopo le assenze superiori a cinque giorni) e responsabilizzare il figlio nell’organizzazione di tutto il materiale necessario per la sua permanenza nella classe (libri, attrezzatura didattica, merenda…).

·       Verificare attraverso un controllo frequente con i docenti che lo studente segua gli impegni di studio e le regole della scuola, prendendo parte attiva e responsabile ad essa.

·       Intervenire, con senso di responsabilità, rispetto ad eventuali danni provocati dal figlio a carico di persone, arredi, materiale didattico, anche con il recupero e il risarcimento del danno.

L’alunno si impegna a:

 

·       Frequentare regolarmente le lezioni e applicarsi con continuità per assolvere agli impegni di studio.

·       Rispettare le regole della scuola, i tempi, le cose, le persone, i principi della buona educazione e della vita civile.

·       Avere nei confronti del capo d’Istituto, dei docenti, di tutto il personale della scuola e dei loro compagni lo stesso rispetto, anche formale, che chiedono per se stessi ed i loro familiari.

·       Utilizzare correttamente le strutture, i macchinari e i sussidi didattici e comportarsi in modo da non arrecare danni al patrimonio della scuola.

·       Risolvere le difficoltà, i problemi, le incomprensioni in modo rispettoso e democratico, chiarendosi direttamente fra compagni, con l’insegnante interessato, con il coordinatore della classe o ricorrendo all’autorità del capo d’Istituto.

 

DPR 24 giugno 1998, n. 249

Regolamento recante lo Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria (in GU 29 luglio 1998, n. 175)

 

CODICE DISCIPLINARE DEL PERSONALE

CCNL scuola 2016-2018 – Avviso di pubblicazione sul sito istituzionale del Codice Disciplinare aggiornato

Codice-displinare.pdf (616 KB) Scarica allegato

CCNL Comparto Scuola 2016-2018 – Avviso di pubblicazione sul sito istituzionale del Codice Disciplinare – sezione Codice disciplinare, di cui agli artt. 10 e ss. unitamente all’art. 29 del nuovo Contratto

Come previsto dall’articolo 55, comma 2 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, così come modificato dall’articolo 68, comma 2 del decreto legislativo n. 150 del 2009, pubblichiamo qui le informazioni relative al Codice disciplinare.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.